Zanzare, 10 consigli per liberarsene

L’estate sarebbe bellissima se… non ci fossero le zanzare! Che non sono solo fastidiose, ma anche potenzialmente pericolose, visto che veicolano malattie di notevole gravità (chikungunya, febbre del Nilo, Dengue, filariosi e leishmaniosi che possono colpire anche l’uomo oltre che cani e gatti). Contro di loro mettiamo in campo una lotta a tutto campo, che parte dalla prevenzione e termina con – purtroppo – l’alleviamento del prurito.

  1. Occhio all’acqua
    Controlliamo le raccolte d’acqua della nostra proprietà: svuotiamo sottovasi e annaffiatoi, chiudiamo ermeticamente i bidoni per la raccolta d’acqua, eliminiamo i vecchi pneumatici e gli altri oggetti inutili abbandonati, puliamo i tombini di scolo almeno una volta l’anno, controlliamo che le grondaie non siano intasate.
  2. Pesci nel laghetto
    Se abbiamo uno specchio d’acqua, popoliamolo di pesci come il Carassius (pesce rosso) o le gambusie, entrambi ghiotti di larve di zanzara. Se si tratta di un laghetto, accogliamo con gioia l’arrivo di libellule, rane e rospi, favorendoli mettendo a dimora piante da riva.
  3. Animali amici
    Incentiviamo la presenza dei nemici naturali delle zanzare: ramarri e lucertole, uccelli, pipistrelli, ricci. Un solo pipistrello può divorare in una sola notte fino a 5mila zanzare: aiutiamolo con le apposite cassette nido (bat-box, in vendita nei Centri di Giardinaggio) seguendo bene le istruzioni per l’uso.
  4. Piante anti-zanzara
    Disseminiamo la casa, i davanzali, i balconi e terrazzi e il giardino di gerani aromatici, rosmarino, lavanda, timo, salvia, basilico, menta, tagete, nasturzio, cedrina (Lippia citriodora), citronella o lemongrass (Cymbopogon citratus), camara (Lantana camara), pomodoro, sambuco.
  5. Insetticidi larvicidi
    Uccidono le larve di zanzara nei luoghi di riproduzione, le raccolte d’acqua. I larvicidi per l’uso domestico sono in compresse, in blister o barattoli. Nei vari prodotti sono presenti principi attivi come piriproxyfen, diflubenzuron, Bacillus thuringiensis var. israelensis, quest’ultimo nuoce solo alle larve di zanzara, non all’uomo né agli altri animali, né alle piante: si può utilizzare anche nel laghetto.
  6. Insetticidi adulticidi
    Si distribuiscono sulla vegetazione per cui le zanzare, a contatto con essa, assorbono l’insetticida e muoiono. Gli insetticidi sono il piretro naturale (le piretrine) e i piretroidi (di sintesi chimica). Per effettuare questo tipo di trattamenti su vaste aree di vegetazione, affidiamoci a personale specializzato.
  7. Insetticidi domestici
    Reperibili in tutti i Centri Giardinaggio, in bomboletta, eliminano le zanzare presenti nella stanza e si possono spruzzare anche sul telaio delle finestre o sulle tende per impedirne l’ingresso in casa. La durata è di qualche ora.
  8. Zampironi & co.
    Elettroemanatori, fornelletti, candele, zampironi agiscono emanando una nube di insetticida che uccide le zanzare o le allontana con effetto repellente. Sono efficaci in casa o in un gazebo circondato da siepi, ma funzionano meno in ambienti aperti o in presenza di vento.
  9. Repellenti cutanei
    Se spruzzati sulla pelle, scoraggiano le zanzare dall’appoggiarsi e pungere. Sono molto efficaci, ma vengono dilavati dalla sudorazione, quindi vanno riapplicati dopo poche ore. Ne esistono a base chimica e a base naturale e non danno allergie.
  10. Dopo la puntura…
    Per evitare che si formi un bubbone pruriginoso passiamo subito lo stick apposito a base di ammoniaca, che puzza molto ma calma in fretta il prurito ed evita (tranne che nei soggetti allergici) che la parte si gonfi.
Larve di Culex, la zanzara comune.

Con la collaborazione di AICG

Lascia un commento