Impianto di irrigazione a goccia

Irrigazione a goccia, un’opzione pratica 

In pieno inverno, la necessità di un’irrigazione estiva potrebbe sembrare lontana, ma con il tempo che passa le precipitazioni diventano sempre meno frequenti. Per questo è importante pensare adesso, già a febbraio, a come annaffiare le proprie piante in modo efficiente, utilizzando al massimo l’acqua che sarà a disposizione. Di fatto, l’obiettivo massimo sarà risparmiare il più possibile, sia in termini idrici che economici. In questo senso, non potevamo non parlare del sistema dell’irrigazione a goccia

In cosa consiste? Quali sono i suoi principali vantaggi? 

Cerchiamo di rispondere subito a queste domande partendo dall’inizio.

Cos’è l’irrigazione a goccia?

Che si parli di prati, giardini, orti o terrazzi, uno dei sistemi di irrigazione più conosciuti ed apprezzati sul mercato è quello dell’irrigazione a goccia, una soluzione pratica ed efficiente per ottenere risultati concreti e un giardino in ottime condizioni. Del resto, parliamo di una soluzione che permette infatti di dare la giusta quantità di acqua ad ogni pianta senza sprechi, con la possibilità di impostare l’orario che si preferisce per l’irrigazione.

In questo senso, febbraio è un buon mese per procedere con l’installazione dell’impianto, quando il giardino è ancora a riposo e i danni causati dallo scavo verranno nascosti dalla crescita primaverile.

Ma come funziona il sistema di irrigazione a goccia? Esso si serve di un programmatore a batteria collegato direttamente al rubinetto dell’acqua. Ed è proprio grazie al programmatore stesso che è possibile impostare gli orari e la durata di somministrazione dell’acqua.

Di fatto, una volta messo in funzione, l’acqua scorre attraverso un tubo collettore flessibile principale, per poi ramificarsi nei tubi capillari più piccoli, dotati di gocciolatori e microirrigatori che, con incredibile precisione, innaffiano le piante interessate.

Il circuito di irrigazione così creato garantisce l’acqua necessaria alle specie piantate, evitando sprechi e diminuendo notevolmente il rischio di ristagni, causa principale della formazione di funghi e muffe.

Impianto a goccia

Automatizzazione tramite controllo a distanza

Scendendo nel dettaglio, l’irrigazione a goccia può essere automatizzata tramite una centralina di controllo, che può essere impostata all’inizio della stagione e modificata successivamente in estate e autunno. Alcuni modelli di centralina possono anche essere controllati tramite app sul cellulare o tablet. In quel caso, si otterrebbe un vero e proprio impianto di irrigazione con gestione da remoto, già citato in uno scorso articolo ad esso dedicato.  Tecnologie all’avanguardia che garantiscono importanti vantaggi e benefici, tra i quali è doveroso citare:

  • Costante Monitoraggio dei consumi;
  • Maggior sicurezza, attraverso ad esempio lo spegnimento automatico in condizioni climatiche avverse;
  • Manutenzione a distanza dell’impianto.

Ma soprattutto, un risparmio idrico importante rispetto al consumo annuo di quella specifica area verde. Proviamo ad approfondire la questione.

Irrigazione a goccia: Riduzione dei consumi e Facile manutenzione

Senza troppi giri di parole, l’irrigazione a goccia può ridurre i consumi d’acqua fino al 20%, eliminando le perdite per evaporazione, ruscellamento e percolazione. Inoltre, grazie a questo sistema è possibile concimare le piante aggiungendo fertilizzante liquido al circuito idrico stesso. Non solo. Il giardino potrà essere fruibile in qualsiasi momento, poiché l’erba non sarà mai bagnata e non ci saranno “elementi antiestetici” (come gli irrigatori ad esempio) in vista. Parlando di manutenzione, invece, essa consiste solamente nel controllare le valvole di sfiato e spurgo e pulire il filtro. Praticamente è semplicissima.

Progetto personalizzato 

Per coprire tutte le zone del giardino e stabilire la portata e la disposizione dei gocciolatori, è sempre meglio affidarsi ad un professionista del settore. Una figura specializzata che riuscirà a realizzare su misura un progetto personalizzato, per ottenere così un impianto performante, funzionale e duraturo, secondo le esigenze del singolo cliente.

In collaborazione con AICG

Lascia un commento

Tabella dei Contenuti