Rosi Sgaravatti è la prima imprenditrice presidente di Assoverde

Alla guida della Sgaravatti Group, storica azienda con 140 dipendenti, si prepara così al nuovo prestigioso incarico

Rosi Sgaravatti è la prima imprenditrice a ricoprire il ruolo di presidente di Assoverde, l’associazione italiana costruttori del verde che, dal 1982, opera sul territorio nazionale e promuove la salvaguardia ambientale, del paesaggio e del suolo.

La nomina è avvenuta lo scorso 14 settembre, all’unanimità del Consiglio, e ha segnato il passaggio di testimone con il presidente Antonio Maisto. Da vent’anni all’interno dell’associazione e da quindici nel Consiglio direttivo, rimarrà in carica sino al 2023, data di fine consiliatura.

Nata a Udine ma ormai sarda d’adozione, da sempre instancabile lavoratrice e lungimirante nel prevedere i cambiamenti del mercato, Rosi è alla guida della Sgaravatti Group, la storica azienda di famiglia nata quarant’anni prima dell’Unità d’Italia, con ormai alle spalle ben due secoli di attività. Se nel 1864 è stata una delle prime realtà a realizzare le vendite di sementi e piante per corrispondenza, proposte in cataloghi simili a manuali di giardinaggio, oggi l’azienda, con sede principale a Capoterra, ha notevolmente allargato i propri orizzonti. 

Oltre alla produzione e commercializzazione di piante, su oltre 33 ettari di vivaio, si occupa infatti di progettare e realizzare opere a verde sia pubbliche che private, con un team di architetti, ingegneri e agronomi. Dopo aver disegnato il verde della Costa Smeralda, Sgaravatti Group ha esportato, negli anni, competenza botanica e sostenibilità ambientale anche in Ucraina, Georgia, Azerbaijan, Antigua ed Emirati Arabi.

E così Rosi Sgaravatti, già presidente dell’Aidda delegazione Sardegna (Associazione Imprenditrici e Donne Dirigenti d’azienda), membro del Consiglio di amministrazione dell’Università di Cagliari e accademica aggregata dei Georgofili, fondatrice e presidente dell’Associazione Amici del Giardino di Sardegna, adesso si prepara al suo primo evento pubblico come presidente di Assoverde.

Le parole di Rosi Sgaravatti

“Il 12 ottobre, a Roma, nella sede di Palazzo della Valle, insieme a Confagricoltura e in collaborazione con istituzioni, enti pubblici, professionisti, università, enti di ricerca e associazioni, presenteremo il Libro Bianco del Verde per un neorinascimento della cura e della gestione del verde. Realizzato anche grazie al lavoro del presidente Maisto – spiega Rosi – è strutturato in cinquanta contributi tecnico scientifici che, con approcci differenti, approfondiscono i nuovi modelli di pianificazione, progettazione e gestione, rivolti alla cura del suolo, dell’ambiente, degli animali e delle persone”.

“Nelle città – conclude la neopresidente di Assoverde – le aree verdi rappresentano solo l’8% della superficie. Dobbiamo innestare un cambio culturale, partendo dal presupposto che investire nel verde genera bellezza e crea ricadute positive e un indotto nelle aree urbane, periurbane e nelle città”.

Sarà possibile seguire il Convegno online iscrivendosi al link: https://bit.ly/3nB6A2k

SCARICA Locandina e Programma del Convegno

Lascia un commento