5 alberi per avere ombra in giardino

Fra le tante, meravigliose, indispensabili funzioni a cui assolvono gli alberi ce n’è una che in questo periodo ci fa particolarmente comodo: l’ombreggiamento e la conseguente frescura che ne deriva.
Perché se è vero che anche un ombrellone o una tenda fanno ombra è altrettanto vero che non donano un particolare refrigerio termico, quella piacevole sensazione di “ariolina” sulla pelle che fa evaporare il sudore beneficiandoci di un brivido piacevole.
Solo le fronde degli alberi consentono alla brezza di passare, rinfrescandoci, e solo le foglie possono emettere microgoccioline d’acqua che abbassano leggermente la temperatura infernale delle nuove estati italiane.
Dunque, se il nostro giardino è al sole, pensiamo a piantare un albero o più di uno!
E se, per avere ombra estiva scegliamo una specie caducifoglia, avremo anche luce e calore d’inverno, quando ci servono, e gioiremo della bellezza del foliage d’autunno.
Ecco cinque esempi validi:

Tiglio, ombra e profumo

È un grande classico fin dall’Ottocento, e non si stenta a crederlo: cresce velocemente, offre una bellissima ombra naturale con le grandi foglie a forma di picca delle carte, e tra fine maggio e giugno in fioritura spande un soave profumo in tutto il giardino e anche oltre.
Va benissimo per giardini da medi ad ampi, perché da anziano raggiunge i 35 m d’altezza e 20 m di diametro della chioma dall’elegante portamento arrotondato-conico, è poco esigente e sopporta bene l’inquinamento cittadino.
Tanti pregi e pochi, ma sostanziali, difetti: non è adatto alle coste (la salsedine brucia le foglie) né alla montagna (soffre sopra i 600 m)
La sua dimensione ragguardevole da adulto impedisce di metterlo a meno di 15 m da un edificio; i fiori attirano numerosissime api e insetti impollinatori.

Falso pepe, ombra e bacche

Sempreverde elegante dal portamento flessuoso, simile al salice, ha l’innegabile vantaggio di procurare velocemente una zona con un’ombra non troppo fitta. Adatto a climi miti e zone litoranee è una vera e propria arma naturale contro insetti e parassiti infatti tutte le parti della pianta contengono un olio essenziale molto profumato
Dopo la fioritura, molto amata dalle api, forma una cascata di bacche rosa, simili al pepe che lo rendono anche molto decorativo. Sebbene non sia della stessa famiglia della vera spezia (Piper nigrum), le sue bacche essiccate sono molto conosciute ed utilizzate in cucina
Ha bisogno si poca manutenzione ed è per lo più considerato un albero “pulito”, infatti perde poche foglie e i frutti restano a lungo sui rami. Ha radici profonde quindi meglio piantarlo lontano da tubature e muretti

Gelso sterile, ombra “a ombrello”

Lo vediamo spesso nei parcheggi e non solo: il gelso sterile (Morus platanifolia ‘Fruitless’), come tutti i gelsi, ha la caratteristica di resistere alle potature “in forma”, dunque anche a quella “a ombrello”. In questo modo la chioma si allarga in orizzontale, diventando un vero e proprio ombrellone vivente per un diametro di 8 m. Le foglie cuoriformi fanno il resto. E nessun rischio d’imbrattamento: la pianta fiorisce, ma le corolle cadono senza produrre frutti.
Adatto a tutta Italia, dal mare ai 600 m sulle Alpi.

Jacaranda mimosifolia

Jacaranda, ombra al mare

Ha le foglie piccole, simili a quelle della mimosa, ma sono talmente tante che l’effetto-ombra è garantito, anche grazie al diametro della chioma che raggiunge gli 8 m, per un’altezza massima di 12 m da noi. È indicata per le zone più miti, perché tollera fino a 0 °C o poco meno, e sopporta anche la salsedine.
Ci farà innamorare in maggio, quando si coprirà di migliaia di fiori a trombetta color ametista e, a volte, lo spettacolo si ripete in ottobre…

Ciliegio da fiore, ombra e Hanami

Le varietà di ciliegio da fiore sono numerose (‘Accolade’, ‘Amanogawa’, ‘Kanzan’ ecc.) ma tutte accomunate da una fantastica fioritura in rosa più o meno carico in un valzer di petali doppi tra marzo e aprile, secondo le zone, prima di emettere le foglie. In Giappone pagano un biglietto per vedere l’Hanami, questo spettacolo…
Noi mettiamolo in un piccolo giardino (raggiungono 6 m d’altezza e 3 di diametro), ovunque tranne che in riva al mare e sopra gli 800 m, e godiamoci l’ombra sottostante!

Con la collaborazione di AICG

Lascia un commento